Riguardo a noi

Il megaprogetto Sinj u sridu è stato ideato come un progetto integrato per il restauro e il bonifico del patrimonio culturale unico della città di Sinj. L’iniziativa, del valore totale di 66.594.231,17 Kune croate (importi di finanziamento dell’Unione europea per 55.597.793,26 Kune), è finalizzato alla ricostruzione, al restauro e al rilancio di beni culturali immobili, nonché alla valorizzazione del patrimonio culturale immateriale.

Grazie al progetto sono state ricostruite le strade ed è stata attrezzata l’unità urbana del vecchio centro di Sinj, rinnovata la fortezza Stari grad, la fortezza Kamičak, la torre con l’orologio e l’edificio Palacina, di eccezionale valore culturale e storico, che ospiterà una nuova area completamente rinnovata del Museo della Regione del Cetina, ma anche una sala polifunzionale con spazi per presentare l’artigianato e i prodotti tradizionali.

Tutto ciò è particolarmente importante per molte aziende agricole a conduzione familiare, varie piccole imprese artigiane e cooperative coinvolte nella produzione e nella lavorazione di prodotti e souvenir autoctoni, che da ora in poi avranno l’opportunità di esporre e vendere i loro prodotti durante tutto l’anno.

Si prevede di costruire un centro di interpretazione ed educazione all’ippodromo di Sinj di circa 2500 m². Il centro è concepito come uno spazio in cui i visitatori potranno partecipare alla scuola di equitazione dell’Alka, sperimentare in prima persona la vera presenza e vicinanza dei nobili stalloni e persino toccare con mano le uniformi originali dell’Alka.

Oltre alla città di Sinj, il progetto è supportato da cinque partner rilevanti per lo sviluppo sociale ed economico dell’area e la gestione del patrimonio culturale: la Alka Knights Society, il Museo della Regione di Cetina, l’istituzione pubblica RERA per il coordinamento e lo sviluppo della Contea di Spalato-Dalmazia, l’Ente per il Turismo di Sinj e FLORAMI Sinj.

Show Buttons
Hide Buttons